3 marzo 2008

News su Ponyo - La nascita e l'evoluzione del progetto

A Marzo il giornale giapponese Cut dedicherà tre intere pagine alle novità sul nuovo film di Miyazaki, "Ponyo On A Cliff", il tutto è rivelato in un'intervista a Suzuki Toshio, produttore dello Studio Ghibli. Ecco un piccolo riassunto delle news.

Lo Studio Ghibli ha deciso di intraprendere il progetto del film "Ponyo on a cliff" nel 2005 subito dopo l'uscita de "Il Castello Errante di Howl" e hanno cominciato la lavorazione ad Ottobre 2006. Fu lo stesso Suzuki a proporre a Miyazaki di fare un nuovo film dedicato ai bambini. Inizialmente si pensava a un film ispirato a "Iya Iya En", libro scritto da Nakagawa Rieko e illustrato dalla sorella Yamawaki Yuriko. "Iya Iya En" è la storia delle avventure di un gruppo di bambini dell'asilo e questo libro è il più venduto in tutto il Giappone, addirittura ogni asilo ne ha una copia. Gli stessi Miyazaki e Suzuki hanno da giovani tanto amato questo libro.

Ma successe qualcosa per cui Miyazaki cambiò drasticamente rotta. Il Maestro è molto influenzato dal posto in cui vive o in cui viaggia. Infatti dopo aver visitato Yakushima creò Nausicaä, dopo aver visitato la Svezia creò Kiki, inoltre molti film sono ambientati nei dintorni di Tama (periferia ovest di Tokyo) ma sia lui che Suzuki ne erano un po' stufi. Qualche tempo dopo aver deciso di realizzare un nuovo film, lo Studio Ghibli fece un viaggio aziendale in un piccolo paese nella zona di Setonai-kai. All'inizio Miyazaki non voleva partecipare ma una volta arrivato li rimase folgorato dalla bellezza e dalla diversità del paesaggio rispetto alla zona del Kanto dove è nato e cresciuto. Lo colpì il mare molto più calmo rispetto all'Oceano Pacifico e le onde che si susseguono continuamente una dietro l'altra. Il luogo lo ispirò così tanto che decise di passare due mesi in quella località. Due mesi in cui la sua immaginazione cominciò a destarsi e infatti al suo ritorno a Tokyo propose a Suzuki di ispirare il nuovo film non più a "Iya Iya En" ma "Gake no Shita no Iya Iya En" (The No No Nursery School under the Cliff) questo perchè la casa in cui ha passato il periodo in quella zona era appunto su una scogliera.

Ma non è tutto, Miyazaki infatti decise che non c'era necessità di inserire la storia di un asilo nel film ma che voleva un asilo vero all'interno dello Studio Ghibli. Così il progetto iniziale del film ispirato alla storia all'interno di un asilo venne subito chiuso ma ad Aprile di questo anno verrà invece aperto una asilo vero all'interno dell'azienda visto che molti giovani dipendente hanno da poco avuto i loro bambini. L'asilo sarà costruito vicino all'atelier Nibariki di Miyazaki, il Maestro erano più di 10 anni che voleva realizzare questo progetto tanto che la stessa moglie chiese a Suzuki di aiutare Miyazaki a realizzare l'asilo.

Torniamo a Ponyo, la storia è semplice: una pesciolina rossa gioca nel mare e spinge la sua testolina all'interno di un vasetto e non riesce più a tirarla fuori. Arriva in suo soccorso un bambino di 5 anni e ben presto i due si innamorano l'uno dell'altra. Il proseguo è molto simile alla leggenda di Urashima Taro.

Il film è interamente disegnato a mano, come abbiamo sentito dire più volte, e l'80% si svolge in mare e ogni onda è stata disegnata dallo stesso Miyazaki. Suzuki dichiara che diventerà un Capolavoro senza ombra di dubbio. Il film sarà sostanzialmente diverso dagli altri di Miyazaki, per esempio non ci sarà la sua passione - l'aviazione. Insomma scopriremo una nuova versione del lavoro e dell'immaginazione del Maestro. Miyazaki dice spesso che un giorno per un bambino equivale a un nostro anno. Qualcosa può colpire l'immaginazione e lo spirito di un bambino, come l'ombra di un albero che brilla al tramonto, e quel ricordo resterà indelebile nella sua memoria. Così vorrebbe regalare ai bambini un giorno speciale che resterà nella loro memoria come un bellissimo ricordo.

L'uscita del film è prevista per il 19 Luglio e il produttore dichiara che per ora fila tutto liscio dunque non dovrebbero esserci ritardi di sorta.



Potete trovare l'intera intervista sul sito Ghibliworld e il testo che avete letto è stato implementato con le notizie lette nell'intervista a Miyazaki sempre pubblicata dallo stesso sito.

(Fonte: Ghibliworld.com)

0 commenti:

Posta un commento

Puoi commentare le News dello Studio Ghibli anche se non sei iscritto ma non lasciarmi il commento anonimo. Clicca su Nome/Url e scrivi il tuo nome o il tuo nick! ^_^